Articolo di Stefano Buttafuoco

Un’altra grande serata di pugilato targata BBT Productions quella che ieri sera si è svolta a Roma al Tendastrisce di Via Perlasca.

In palio c’era il Titolo Italiano dei Superpiuma tra Mario Alfano (8-0-1) ed Emiliano Salvini (17-23-2), due pugili in una fase decisamente diversa della loro carriera.

Il primo, seguito all’angolo da Daniele Petrucci e Sergio Calì, è imbattuto, ha venticinque anni ed un’nfinita voglia di emergere.

Il secondo di anni ne ha dodici di più, una carriera alle spalle da guerriero del ring, con ben due titoli italiani conquistati in due diverse categorie di peso e tanti incontri titolati disputati anche fuori dall’Italia.

Due giorni fa è stato chiamato dal suo manager Marcello Paciucci a sostituire Mario Pisanti e – a dispettp di una preparazione non certo ottimale – non c’ha pensato due volte a gettarsi nella mischia.

Ne è uscito fuori un match spettacolare, in cui – come prevedibile – ha fatto la differenza l’aspetto atletico che non poteva che premiare il più giovane Alfano.

L’ex allievo dell’indimenticato maestro Carlo Maggi ha iniziato in maniera contratta ma via via è riuscito a sciogliersi ed accumulare quei meritati punti di vantaggio che gli sono stati accreditati dai tre giudici (98 a 93 – 98 a 93 e 96 a 94 i tre cartellini).

 

Nel sottoclou, Manuel Lancia (14-1-1), prossimo sfidante al titolo europeo dei pesi leggeri, ha battutto ai punti Giorgi Abramishvili (15-7-1).

Buone le indicazione da parte del pugile romano, soprattutto in considerazione della consistenza del suo avversario, atleta coriaceo e generoso.

Da segnalare il match tra Il superleggero Francesco Lomasto (9-1-0) ed Eder Barreto (8-8-3).

Ha vinto abbastanza a sorpresa il più giovane Lomasto, campione neo pro 2015, al termine di un incontro molto spettacolare che ha – a nostro avviso – consacrato uno dei “prospect “più interessanti della categoria.

Ottima anche la prestazione del peso superwelter Mirko Geografo (6-1-0) che ha sconfitto in modo abbastanza netto il rumeno residente a Pomezia Adi Catana (3-4-0).

Vittoria anche per il peso medio Vincenzo Bevilacqua (8-0-9) che ha confermato le sue buone qualità battendo il georgiano Sandro Jajanidze (5-3-0).

 

Soddisfatto il manager Davide Buccioni: “Sono contento per Alfano e della riuscita della serata. La qualità premia e stasera di pugili di spessore ce ne stavano tanti. Mi riferisco non solo al main event ma anche al sottoclou che ha visto protagonista il prossimo sfidante al titolo europeo e molti vincitori e finalisti del torneo neo pro 2015”


http://news.boxeringweb.net/notizie-1/ultime-notizie/45019-alfano-conquista-il-titolo-italiano-dei-superpiuma.html