Bevilacqua supera per Split Decision Lezzi e si conferma Campione Italiano dei SuperWelter

Pubblico delle grandi occasioni in quel dello Stadio del Baseball del Giulio Onesti di Roma per la sfida per il Titolo Italiano Superwelter tra Vincenzo Bevilacqua (12-0-0) e Francesco Lezzi (9-8-1).  Cintura che rimane a Roma grazie alla vittoria per Split Decision di Bevilacqua (96-94; 94-97; 98-93)

Dopo la cerimonia di presentazione del match(Arbitro D’Agnano), affidata alla stentorea voce di Valerio Lamanna e per la quale salgono sul ring il Presidente FPI Lai e il vicePresidente Apa, si comincia a fare sul serio. Primo Round di studio da parte di entrambi i contendenti.  Equilibrio che continua anche nella seconda ripresa, nella quale Bevilacqua tenta di accorciare la distanza che Lezzi cerca di mantenere usando il jeb sinistro. Terzo round che vede Bevilacqua provare affondi piu efficaci, ma con un Lezzi che ne esce girando intorno all’avversario. Dopo la metà del match, Bevilacqua dà l’impressione di essere più in palla dal punto di vista fisico cominciando a pressare sempre di più il pugliese. Lezzi però regge botta, non arretrando di un centimetro davanti agli assalti del Campione, cui risponde colpo su colpo. Tre minuti di serrato confronto corpo a corpo nella settima ripresa, in cui i due si scambiano ripetuti colpi al corpo.  Terzultima ripresa che vive di tenativi di uno-due sulla corta distanza e svariati clinch tra i due pugili. Filo dell’equilibrio che non si rompe nemmeno alla nona ripresa, mentre il ritmo degli scambi si alza all’ultima curva di una disfida nella quale i pugili non si sono risparmiati. Giudici che alla fine vedono vincitore, come riportato sopra, Bevilacqua per Split Decision.

Molto interessanti i match del Sottoclou.

Primo Match (Arbitro Paolucci) della serata quello tra i pesi leggeri Valerio Mazzulla (4-1-2 – Peso 66.4) ed Emanuele Cavallucci (3-1-1 – Peso 66.4). Cavallucci s’impone alla seconda ripresa per ferita occorsa a Mazzulla.

Seconda sfida della riunione (Arbitro Marzuoli) è quella tra i massimi leggeri Adriano Sperandio (7-0-0 –  peso 80.9) e Claudio Kraiem (1-5-2 – Peso 80.9). Match molto intenso, nel quale parte forte il romano Sperandio che al secondo round fa contare il siciliano Kraiem. Sperandio che alla fine porta a casa la vittoria ai punti di fronte a un sempre coriaceo Kraiem.

A seguire (Arbitr Giubelli) salgono sul ring i supermedio Matteo Guainella (2-0-1 – Peso 76.9) e Antonio Di Mario (3-2-2 – Peso 74.2). Incontro molto equilibrato che si conclude con la lettura dei punti alla terza ripresa causa ferita per Guainella. Verdetto giustamente di parità

Ultimo match prima del main event (Arbitro Moscadelli) è quello tra il superleggero Ennio Zingaro (3-0-1 – Peso 63.6) e Roberto Ruffini (7-3-6 – Peso 65).

 

Articolo originale: http://www.fpi.it/news/pro-boxe/8395-bevilacqua-vs-lezzi.html

Il programma della riunione del 10 Giugno a Roma: Bevilacqua e Lezzi per il Titolo Italiano dei Superwelter

Dopo l’entusiasmante riunione del 10 Maggio scorso nell’ambito della quale Felice Moncelli si è laureato Campione Internazionale Wbc dei pesi Superwelter sconfiggendo ai punti un ottimo Adriano Nicchi, Roma torna ad essere per una sera la capitale della boxe italiana ospitando la sfida – valevole per il Titolo italiana della stessa categoria di peso – tra Vincenzo Bevilacqua (11-0-0) e Francesco Lezzi (9-7-1).

La location sarà di quelle particolarmente suggestive trattandosi dello Stadio del Baseball dell’Acqua Acetosa (Largo Giulio Onesti, 1) e la qualità della riunione – organizzata dalla BBT Promotions – sarà garantita dalla supervisione della FPI che ha fatto rientrare la manifestazione all’interno di quelle facenti parti dell’accordo quadro FPI-Sportitalia. Evento che sarà impreziosito dalla disputa, a partire dalle ore 19, del dual match tra le Nazionali Elite Femminili di Italia e Polonia. Una sfida italo-polacca che segna il primo grande test per le Azzurre verso gli ormai prossimi Campionati dell’Unione Europea 2017, in programma a Cascia (PG) ad Agosto, la cui organizzazioni è stata affidata dalla EUBC alla FP

Ma veniamo ai contenuti tecnici.

Un match pieno di insidie per il campione in carica Bevilacqua che avrà il vantaggio di giocare in casa questa sua prima difesa volontaria del titolo conquistato il 25 Marzo scorso (vittoria per decisione tecnica contro l’esperto Luciano Abis).

Ventitre anni romano, l’allievo del maestro Simone D’alessandri è gia stato campione Neo Pro e finalista agli Assoluti ed è considerato uno dei migliori “prospect” in circolazione.

Davanti a lui un ragazzo pugliese di ventisette anni già Campione Mondiale Youth IBF e già sfidante al Titolo italiano di categoria. In quest’ultima circostanza, risalente al 21 Gennaio scorso, fu sconfitto ad Andria ai punti ma di strettissima misura da Felice Moncelli.

Sottoclou ricco di spunti di interesse.

Il primo match della serata pro (con inizio dalle ore 21 circa) sarà quello tra i massimi leggeri Adriano Sperandio (7-0-0) e Claudio Kraiem (1-5-1).

I due si sono già affrontati due volte ed ha vincere è sempre stato il pugile romano, la prima volta in modo netto la seconda (meno di due anni fa) per split decision.

Kraiem, ventunenne siciliano di origine tunisina, non sembrerebbe avere un record tale da impensierire il prossimo sfidante al Titolo Italiano, ma nell’ultimo anno, da quando si è trasferito a Roma iniziandosi ad allenare presso la Quadraro Boxe alla corte di Silvano Setaro e Stefano Fantogini, è migliorato significativamente tanto da vincere il torneo Neo Pro.

A seguire, in concomitanza con la diretta Sportitalia (a partire dalle ore 22.00), saliranno sul ring il supermedio Matteo Guainella (2-0-0) che affronta Antonio Di Mario (3-2-1) ed il superleggero Ennio Zingaro (3-0-1) che incorcerà i guanti con Roberto Ruffini (7-3-6).

Due sfide che promettono grandi emozioni tra pugili italiani con record positivi.

A margine del main event, la sfida tra i pesi leggeri Valerio Mazzulla (4-1-1) ed Emanuele Cavallucci (3-1-1).

Insomma, una serata di pugilato di qualità, impreziosita dal dual match tra le Nazionali Femminili Elite di Italia e Polonia che apriranno le ostilità a partire dalle ore 19.

Biglietti acquistabili su www.boxofficelazio.it .

Originale su: FPI

Titolo Italiano Lomasto – Randazzo: news sulle condizioni di Francesco Lomasto

Come già sapete a causa di un infortunio alla mano sinistra, Francesco Lomasto non potrà disputare l’incontro per il titolo italiano contro Luciano Randazzo.

Pubblichiamo per informazione e correttezza i referti medici che attestano l’inidoneità del pugile.

Così testimonia l’accaduto, sul suo profilo Facebook, il Manager Davide Buccioni.

 17632030_803018426517192_1712761376277681081_o 17621799_803018433183858_5558104894875097245_o

A Roma vittorie per Bevilacqua, Di Rocco, Aurino, Alfano, Forte e Guainella

Vincenzo Bevilacqua (11-0-0 foto sopra ) ha sconfitto sabato sera ai punti per decisione tecnica Luciano Abis (34-5-1) conquistando il vacante Titolo Italiano dei pesi Superwelter.

Il ventitrenne pugile romano, vincitore del torneo Neo Pro nel 2015 e due volte finalista al Guanto D’oro, a dispetto della sua giovane età (quattordici anni in meno del suo avversario) ha vinto grazie ad un match condotto con grande intelligenza tattica e lucidità.

“Ho fatto tutto quello che avevo preparato in palestra con il mio maestro Simone D’alessandri. Sapevamo che Abis avrebbe cercato di accorciare colpendo con ganci larghi alla figura e montanti al tronco e così è stato. Ma io sono riuscito a mantenere la calma. Penso di aver perso solo la sesta ripresa quando ho accettato di scambiare ed ho subito qualche colpo di troppo, ma per il resto mi sento di aver condotto sempre l’incontro”

L’incontro è stato ad alta intensità ed il numeroso pubblico che ha seguito bordoring l’evento non è rimasto sicuramente deluso.

Il più esperto Abis, trentasettenne pugile sardo già campione Intercontinentale IBF e già campione dell’Unione Europea nella categoria dei pesi welter, ha cercato di imporre subito al match un ritmo molto alto.

Ma Bevilacqua non si è lasciato intimorire, rispondendo colpo su colpo agli attacchi dell’avversario.

Decisiva una ferita subita da Abis nel corso della terza ripresa riconducibile ad un contatto involontario tra le teste dei due pugili.

Il sardo si innervosiva e nel round successivo subiva un richiamo ufficiale per un colpo alla nuca.

La terza e la quarta ripresa erano a favore del romano che riusciva sovente a prendere il tempo allo sfidante che continuava a perdere molto sangue anche a seguito di una seconda ferita alla tempia.

Nella sesta ripresa Abis cambiava ritmo e sembrava poter rimettere in discussione le sorti dell’incontro.

L’epilogo nel round successivo. L’arbitro chiedeva nuovamente l’intervento del medico che decideva di sospendere il match.

Si andava alla lettura dei cartellini che decretavano la vittoria all’unanimità per Vincenzo Bevilacqua (68 a 65, 68 a 65 e 67 a 65).

Successo meritato, peccato per l’interruzione che ha lasciato con l’amaro in bocca i tanti tifosi accorsi all’Atlantico di Roma, il locale che ha fatto da degna cornice ad una riunione di grande qualità organizzata con la consueta cura dalla BBT Promotions di Davide Buccioni.

Nel sottoclou l’ex sfidante al Titolo Mondiale dei pesi Superleggeri Michele Di Rocco (41-2-1) ha sconfitto per squalifica Avakyan Mikheil (38-29-4), venticinquenne pugile russo residente in Georgia, con all’attivo più di 70 match da professionista.

Di Rocco non combatteva dal 28 Maggio, giorno in cui fu sconfitto per Ko da Ricky Burns a Glasgow, ed è apparso meno brillante del solito.

Ha vinto tutte le riprese in maniera netta ma ha cercato con eccessiva irruenza la conclusione prima del limite perdendo in lucidità.

Il georgiano opponeva una discreta resistenza soprattutto nelle prime due riprese, poi calava fisicamente ed al quarto round veniva squalificato per una serie di scorrettezze apparse ai più meno significative di quanto giudicato dall’arbitro del match.

Successo ai punti per Pietro Aurino (40-3-0), già Campione Europeo e già sfidante al Titolo Mondiale dei Massimi Leggeri, che dopo nove anni di inattività agonistica tornava sul ring per battersi contro l’ucraino Vitali Nevesellyy (13.2.1).

Il pugile di torre Annunziata è apparso fisicamente appesantito mostrando solo a tratti il suo straordinario talento pugilistico, ma ha meritato la vittoria contro un avversario scomodo che alla terza ripresa riusciva a colpirlo con una combinazione al tronco che gli procurava una fastidiosa frattura di una costola.

Indicazioni più che positive dal Superpiuma Mario Alfano (10-0-1) che ha inanellato la sua decima vittoria da professionista sconfiggendo ai punti il ventiduenne Tornike Tartladze (10-12-1).

Il ventiseienne romano, seguito all’angolo da Massimo Enrico, Federico Ranalli e Mattia Pileggi, si è reso protagonista di un incontro molto ordinato in cui ha avuto la meglio nei confronti di un pugile scorbutico che spesso si è lasciato andare ad atteggiamenti provocatori.

Alfano ha evidenziato degli incoraggianti miglioramenti sul piano tecnico, mostrando – rispetto alle ultime apparizioni – un’ottima mobilità sul tronco e una maggiore velocità di gambe.

Più che convincente la vittoria tra i pesi piuma di Mauro Forte (5-0-0) contro il georgiano Mikheil Soloninkini (10-23-1).

Il pugile capitolino impostava un match feroce che assumeva subito per il più modesto avversario i connotati di una sfida di grande sacrificio.

Nel corso del terzo round l’arbitro decideva di interrompere la contesa decretando la vittoria per Kot del sempre più promettente pugile allenato dal maestro Fedele Bellusci.

In apertura vittoria – sempre per Kot – per il neo pro Matteo Guainella (2-0-0) che si imponeva senza particolari difficoltà sul bielorusso Aliaksandr Usik(0-2-0)

Stefano Buttafuoco

Originale su BoxeRingWeb

La BBT da il benvenuto a “the Killer” Pietro Aurino

“Non ha bisogno di presentazioni, tutti lo conoscono, tutti amano la sua boxe: Pietro Aurino Il KILLER torna sul ring il 25 marzo all’Atlantico di Roma!”

Con queste parole il manager Davide Buccioni saluta il campione, che ufficialmente entra a far parte del team della Buccioni Boxing Team.

Pietro Aurino su BoxRec: http://boxrec.com/boxer/14359

BBT e vedi solo grande boxe”

Delineato il sottoclou della riunione del 25 Marzo a Roma

Il 25 Marzo prossimo a Roma è prevista l’attesa sfida tra Vincenzo Bevilacqua (10-0-0) e Luciano Abis (34-4-1) valida per il Titolo italiano dei pesi Superwelter.

La sfida avrà luogo presso l’Atlantico (Via dell’Oceano Atlantico 271 – Zona Eur).

Vincitore del torneo Neo Pro nel 2015 e due volte finalista al Guanto D’oro, Vincenzo Bevilacqua arriva a questa grande opportunità dopo soli dieci incontri da professionista ma una lunga e positiva carriera da dilettante.

Decisamente più esperto Luciano Abis, già campione Intercontinentale IBF, già Campione del Mediterraneo Wbc e già campione dell’Unione Europea nella categoria dei pesi welter.

E’ anche stato due volte sfidante al titolo Italiano (pareggiò nel 2007 contro Leonard Bundu e perse nel 2013 contro Gianluca Frezza) ed una volta al titolo Europeo (perse nel 2004 contro Rafal Jackiewicz).

Insomma, una sfida decisamente interessante, tra due pugili di indubbia qualità.

L’ex sfidante al titolo Mondiale Michele Di Rocco (40-2-1) rientra sul ring per sfidare Ivan Njegac (8-2-0), fresco vincitore su Luca Marasco.

Si tratterà del suo primo incontro nelle file della BBT Promotions, in attesa di battersi per il Titolo Europeo.

l già campione Italiano dei Superpiuma Mario Alfano (9-0-1) incrocerà i guanti con Serif Gurdijeljac (8-4-0) in un test match che farà da preludio ad un incontro titolato internazionale.

L’ottimo peso Piuma Mauro Forte (4-0-1) combatterà contro Glauco Cappella (3-6-0).

Infine grande attesa per il rientro di Orial Kolaj, che viene dato in ottima forma e che se la vedrà con Tamas Kozma (5-2-2), ventitrenne pugile ungherese capace di strappare un verdetto di parità all’ex Campione Italiano Nicola Ciriani a Giugno del 2016.

Insomma, veramente una gran bella riunione con tanti match di sostanza e di grande equilibrio.

Stefano Buttafuoco

articolo originale su BoxeRingWeb

 

info e acquisto biglietti: https://goo.gl/5IQs6h

Intervista a 360 gradi al manager Davide Buccioni

Si presenta come un vero e proprio scontro generazionale il match previsto il 25 Marzo prossimo a Roma tra Vincenzo Bevilacqua (10-0-0) e Luciano Abis (34-4-1) valido per il Titolo italiano dei pesi Superwelter.

Quattordici anni e ventinove match professionistici di differenza tra i due contendenti non sono roba da poco ma a guadagnarci in termini di spettacolo ed emozioni saranno gli appassionati di boxe capitolini che quella sera affolleranno l’Atlantico (Via dell’Oceano Atlantico 271 – Zona Eur), location storica romana scelta come sede dell’atteso evento.

Vincitore del torneo Neo Pro nel 2015 e due volte finalista al Guanto D’oro, Vincenzo Bevilacqua è considerato uno dei più interessanti “prospect” italiani.

Ventitrè anni, ha mosso i suoi primi passi alla Champion Club di Acilia per poi passare alla Laurentino Boxe. Da circa sei anni si allena alla a Pomezia alla Phoenix, alla corte del maestro Simone D’alessandri.

Si tratta di un pugile completo, dotato di un ottima tecnica ma anche di notevoli capacità agonistiche che lo hanno indotto a passare velocemente – rispetto alla media italiana – nel non facile mondo del pugilato professionistico.

Di Luciano Abis gli appassionati di boxe conoscono probabilmente tutto.

Si tratta di un trentasettenne pugile sardo già campione Intercontinentale IBF, già Campione del Mediterraneo Wbc e già campione dell’Unione Europea nella categoria dei pesi welter.

E’ anche stato due volte sfidante al titolo Italiano (pareggiò nel 2007 contro Leonard Bundu e perse nel 2013 contro Gianluca Frezza) ed una volta al titolo Europeo (perse nel 2004 contro Rafal Jackiewicz).

E’ stato lontano dal ring dal 2013 al 2016, a Giugno dello scorso anno è rientrato battendo Alex Breitenbach per Ko.

Un match che ha dato indicazioni positive all’atleta cagliaritano e che lo ha spinto a tentare di nuovo la scalata alle classifiche nazionali.

Nel sottoclou, contro avversari ancora da definire, due attesi rientri, quello di Michele Di Rocco e Mario Alfano.

Il primo sosterrà il suo primo match nelle file della BBT Promotions in attesa di battersi per il Titolo Europeo.

Il secondo, già campione italiano dei Superpiuma, combatterà per saggiare le sue condizioni nella prospettiva di un prossimo match internazionale.

Insomma, una riunione di qualità sul quale il manager Davide Buccioni punta in modo particolare come confermato dalle sue parole:

“Quella del 25 Marzo è una riunione in cui credo fortemente. Mi aspetto un meritato riscontro di pubblico. Ci saranno match spettacolari, in un contesto di assoluto pregio. L’Atlantico è un locale storico di Roma dove hanno suonato alcuni dei più importanti deejay mondiali e dove si sono esibiti i migliori cantanti italiani e stranieri. Solo in location di questo genere si può valorizzare l’evento agonistico. Sull’aspetto tecnico poi mi sembra superfluo sottolineare il valore dei protagonisti della serata”

Prima di questo appuntamento altri tuoi pugili combatteranno altrove. Ci puoi dire dove e quando ?

“Si, sabato 11 Febbraio Mauro Forte (3-0-1), campione neo pro dei pesi Piuma, combatterà a Vallelunga. Anche in questo caso la sede sarà d’eccezione se è vero che il match avrà luogo in un palazzetto all’interno del circuito motociclistico visibile attraverso delle vetrata di particolare effetto. Il 19 Febbraio saliranno sul ring Francesco Cataldo e Kevin Di Napoli in una riunione organizzata dal mio amico Vittorio Oi. Il 25 Febbraio a Zurigo combatterà Davide Faraci, mediomassimo italo-svizzero al suo terzo match da professionista e di grande prospettiva. Il 31 Marzo infine Vincenzo Lomasto difenderà il titolo italiano dei Superleggeri contro Luciano Randazzo a Valenza-Po”

Hai veramente molti pugili sotto la tua egidia. Come fai a gestirli ed a programmare per loro una carriera di livello?

E’ un lavoro difficile venire incontro a quelle che sono delle legittime aspettative. Io ce la metto tutta per non deluderli, cercando sempre però di impegnarli in incontri che possano realmente dargli un qualcosa in più in termini di esperienza. Purtroppo la situazione del pugilato in Italia, a livello di difficoltà organizzativa e di scarsa copertura televisiva, è sotto gli occhi di tutti”

Anche su Felice Moncelli ci saranno a breve delle importanti novità o sbaglio?

“Si, almeno lo spero, ma io sono una persona concreta, non mi piace parlare prima che le carte sono firmate. Credo molto in questo ragazzo ingiustamente criticato dopo aver vinto il titolo italiano. Lui è un ragazzo di una forza straordinaria, nell’ultimo match non si è espresso al massimo delle sue potenzialità ma ha già ampiamento dimostrato il suo valore nonostante sia ancora molto giovane. Sono sicuro che presto farà parlare di se e che possa rappresentare l’ennesima scommessa vinta dalla BBT Promotions”

Articolo originale di STEFANO BUTTAFUOCO per BoxeringWeb: http://bit.ly/2lrmqdt