TUTTO PRONTO PER DOMANI

Il pugilato professionistico cerca di dare segnali di risveglio attraverso riunioni di qualità capaci di attirare nuovi appassionati di boxe.

Una di queste è sicuramente quella allestita Sabato prossimo 28 Gennaio dalla BBT Productions presso il Palazzo dello Sport di Frosinone.

Micheli_primo_piano_2

Il main event sarà rappresentato dalla sfida tra Daniele Limone (15-4-1) e Alessandro Micheli (6-0-1) valida per il Titolo Italiano dei Superlpiuma.

Un match decisamente interessante per le diverse caratteristiche dei due pugili.

Più potente e istintivo il ventiquattrenne Micheli, più tecnico e lineare il trentaduenne torinese Limone.

Limone__in_WSB

Quest’ultimo in particolare già è stato campione italiano dei piuma e sfidante al titolo dell’Unione Europea nella stessa categoria di peso per cui potrà contare su una indubbia maggiore esperienza, ma il match sembra essere veramente molto equilibrato ed aperto ad ogni risultato.

Notevole il sottoclou che vedrà il ritorno sul ring di Sven Paris(31-6-0) che affronterà l’ungherese Gergo Vari (19-16-1).

Paris non combatte da Aprile del 2012 ed è già stato campione italiano dei pesi welter e superwelter e campione Intercontinentale Wba. 

Si tratta di un pugile generoso capace per anni di infiammare gli animi degli appassionati di boxe italiani e non solo.

Il suo ritorno all’attività agonistica suscita molta curiosità, vedremo se questa sua assenza prolungata avrà intaccato le indiscusse qualità dell’atleta.

Oltre a lui saliranno sul ring il mediomassimo Adriano Sperandio (6-0-0) contro l’ungherese Jozsef Racz (7-13-1), pugile da tenere d’occhio capace già di sconfiggere Luca Podda.

Un incontro difficile per l’imbattuto romano in procinto di battersi per il titolo italiano di categoria dopo sei match da professionista che lo hanno sempre visto convincente vincitore.

Previsti poi altri 4 match.

Il già campione dell’Unione Europea dei pesi gallo Giodi Scala(10-3-0) se la vedrà con il coriaceo Gheorghe Trandafir (4-3-2), il peso medio Antonio Di Mario (2-2-1) con Amedeo Maurizio (1-15-1), il ventiduenne peso welter di Ceccano Federico Cerelli (2-0-0) con Daniele Iacovissi (1-2-0) mentre Davide Faraci (1-0-0) incrocerà i guanti con l’inglese Will Cairns (1-2-0).

Quest’ultimo è un mediomassimo dalla doppia cittadinanza (italiana e svizzera) con all’attivo più di 170 incontri da dilettanti e sul quale il manager Davide Buccioni sembra voler puntare in modo deciso.

Le operazioni di peso avranno luogo Venerdi a partire dalle ore 16 presso la Sala Conferenze dell’hotel Cesari (Via Albinoni, 275 – Frosinone)

Già venduti – nonostante la prevista e confermata diretta su Rai Sport – più di mille biglietti.

Si va verso il tutto esaurito e verso una grande serata di emozioni

STEFANO BUTTAFUOCO

IL PROGRAMMA DEL 28 GENNAIO A FROSINONE A CORNICE DELLA SFIDA TRICOLORE MICHELI VS LIMONE

Il  prossimo 28 Gennaio presso  il palazzetto dello sport “Città di Frosinone” in zona Casaleno cartellone promosso dalla Buccioni Boxing Team  .Il match event  saràinterpretato dal 24enne ceccanese Alessandro Micheli (6.0.1)  opposto al torinese Daniele Limone (15.4.1) . Sarà in palio  il vacante titolo italiano dei superpiuma .  Micheli  è alla sua prima esperienza tricolore mentre Limone  è stato campione italiano dei piuma nel 2013,

Folto e interessante il sottoclou  che vedrà impegnati due ex campioni dell’Unione europea. Nei pesi gallo Giodi Scala (10.3)  combatterà contro il rumeno residente nella Capitale Gheorge Trandafir  ( 4.3.2). Nei pesi  mediomassimi  il romano Serhiy Demchenko(16.11.1) si misurerà con il lombardo marco Miano (4.2) . Sia Scala che Demchenko sono reduci da due non fortunate trasferte . 

Negli altri match  alivello di pesi welter Cerelli vs Iacovissi, nei cruiser Faraci vs Volomir  mentre il mediomassimo Adriano Sperandio   incrocerà i guantoni con il magiaro Joseph Racz .

Info e Biglietti su : www.buccioniboxingteam.com

Articolo BoxRingWeb :http://news.boxeringweb.net/notizie/ultime-notizie/49049-il-programma-del-28-gennaio-a-frosinone-a-cornice-della-sfida-tricolore-micheli-vs-limone.html

Roma, Lomasto contro Acatullo per il tricolore dei superleggeri

Articolo di Stefano Buttafuoco

Si è perfezionato il programma della riunione del 12 Novembre organizzata – presso il Palaolgiata di Roma (Via Guido Cantini, 4) – dalla BBT Productions.

Cambia un protagonista del main event.

Il campione in carica Luciano Randazzo (8-2-0) ha comunicato la sua indisponibilità e Francesco Lomasto (10-1-0) contenderà a Francesco Acatullo (9-6-1) la vacante cintura dei pesi Superleggeri.

Acatullo, ventottenne pugile campano, ha già tentato due volte nel 2015 la scalata al titolo italiano perdendo in entrambe le circostanze, prima con Andrea Scarpa quindi con Pasquale Di Silvio.

Lomasto in BN corde

Per Lomasto (nella foto di Renata Romagnoli), venticinquenne pugile napoletano residente a Pomezia, si tratta invece della prima grande occasione di conquista di una cintura professionistica.

Da dilettante ha sostenuto quarantasei incontri perdendone solo dodici e si è laureato campione neo pro nel 2015.

Si tratta di un pugile tecnico, dalla boxe lineare e pulita. Spreca poco, sfrutta molto bene le traiettorie interne dei suoi colpi e fa della solidità e della concretezza le sue armi migliori.

Eccellente il sottoclou.

Il già campione italiano dei superwelter Felice Moncelli (14-4-1) affronterà lo svizzero Flavio Turelli (11-11-2).

L’imbattuto peso super welter Vincenzo Bevilacqua (9-0-0) incrocerà i guanti con il ventiquattrenne maltese Christian Schembri (6-1-0).

Il massimo leggero Francesco Cataldo (4-2-0) combatterà contro Tomislav Rudan (6-14-1), pugile croato che meno di un mese fa ha lasciato un ottima impressione contro Leonardo Bruzzese, mentre nella stessa categoria di peso Adriano Sperandio (5-0-0) se la vedrà con Marco Miano (3-1-0).

Debutto tra i professionisti, nella categoria dei Supermedi, di Kevin De Napoli che affronterà il croato Josip Perkovic (1-0-0).

Ventuno anni di Ostia, Kevin Di Napoli è figlio d’arte.

Suo padre è Gianni Di Napoli (28-3-1), campione italiano dei pesi piuma e superpiuma e sfidante al titolo europeo.

E’ cresciuto pugilisticamente alla Gladiatore Boxe Academy di Stefano Vagni ma da un anno circa si allena presso la Sparta Boxe con il maestro Alessandro Filippo.

Da dilettante ha sostenuto quarantotto match, perdendone solo sei, è stato campione italiano schoolboy, youth e Junior ed ha partecipato al Campionato del Mondo Youth.

Quindi il passaggio al professionismo con Davide Buccioni che lo farà esordire proprio nella prestigiosa riunione del 12 Novembre.

“Non vedo l’ora di esordire tra i professionisti. Dal primo giorno che sono entrato in palestra ho pensato a questo giorno. La boxe per me è tutto, sono cresciuto in un ambiente particolare e non ho avuto la possibilità di studiare. Attraverso il pugilato cercherò di crearmi un futuro e ringrazio in questo senso il mio manager Buccioni per l’opportuna che mi sta dando. Ce la metterò tutta per non tradire le sue aspettative e quelle delle persone che credono in me”

La serata sarà seguita dalle telecamere di Rai Sport.

Cit: BoxeRingWeb

L’8 Luglio grande boxe a Roma con Moncelli, Podda, Bevilacqua, Angelocore, Sperandio e Cataldo

 

Venerdì 8 luglio torna la grande boxe targata BBT Productions con un evento che – pur senza titoli in palio – preannuncia grandi emozioni.

Ad ospitare la manifestazione sarà uno dei circoli più eleganti della capitale e cioè il Futbol Club (Via degli Olimpionici 171).

Cinque gli incontri professionistici in programma.

Innanzitutto si segnala il ritorno sul ring di Felice Moncelli (13.4.1), ex campione italiano dei pesi superwelter, che sulla sua strada troverà il ventiduenne ungherese Valentin Bokros (4-4-0).

Quindi l’esordio con i colori della BBT dell’ottimo supermedio Luca Podda (7-0-0) che affronta Attila Koros (9-5-1).

Seguirà il derby romano tra i due superwelter Vincenzo Bevilacqua (8-0-0) ed Andrea Angelocore (11-0-0), un incontro che riteniamo il più interessante della serata vedendo protagonisti due giovani promesse ancora imbattute del pugilato italiano.

Infine i match che vedranno impegnati due massimi leggeri italiani: il trentaquattrenne Francesco Cataldo (3-2-0) che se la vedrà con Tamas Toth (7-4-4) e il più giovane Adriano Sperandio (4-0-0) che incrocierà i guanti con Salid.

Una riunione di qualità che si inserisce in un palinsesto pugilistico estivo ridotto allo scarno.

I manager italiani latitano, le televisioni sembrano aver voltato definitivamente le spalle agli organizzatori ed il pugilato professionistico patisce come non mai una situazione che appare a dir poco critica.

Info e biglietti su www.buccioniboxingteam.com

Stefano Buttafuoco

Articolo BoxRingWeb: http://news.boxeringweb.net/notizie-1/ultime-notizie/45627-l%E2%80%998-luglio-grande-boxe-a-roma-con-moncelli,-podda,-bevilacqua,-angelocore,-sperandio-e-cataldo.html

Alfano conquista il Titolo Italiano dei Superpiuma

Articolo di Stefano Buttafuoco

Un’altra grande serata di pugilato targata BBT Productions quella che ieri sera si è svolta a Roma al Tendastrisce di Via Perlasca.

In palio c’era il Titolo Italiano dei Superpiuma tra Mario Alfano (8-0-1) ed Emiliano Salvini (17-23-2), due pugili in una fase decisamente diversa della loro carriera.

Il primo, seguito all’angolo da Daniele Petrucci e Sergio Calì, è imbattuto, ha venticinque anni ed un’nfinita voglia di emergere.

Il secondo di anni ne ha dodici di più, una carriera alle spalle da guerriero del ring, con ben due titoli italiani conquistati in due diverse categorie di peso e tanti incontri titolati disputati anche fuori dall’Italia.

Due giorni fa è stato chiamato dal suo manager Marcello Paciucci a sostituire Mario Pisanti e – a dispettp di una preparazione non certo ottimale – non c’ha pensato due volte a gettarsi nella mischia.

Ne è uscito fuori un match spettacolare, in cui – come prevedibile – ha fatto la differenza l’aspetto atletico che non poteva che premiare il più giovane Alfano.

L’ex allievo dell’indimenticato maestro Carlo Maggi ha iniziato in maniera contratta ma via via è riuscito a sciogliersi ed accumulare quei meritati punti di vantaggio che gli sono stati accreditati dai tre giudici (98 a 93 – 98 a 93 e 96 a 94 i tre cartellini).

 

Nel sottoclou, Manuel Lancia (14-1-1), prossimo sfidante al titolo europeo dei pesi leggeri, ha battutto ai punti Giorgi Abramishvili (15-7-1).

Buone le indicazione da parte del pugile romano, soprattutto in considerazione della consistenza del suo avversario, atleta coriaceo e generoso.

Da segnalare il match tra Il superleggero Francesco Lomasto (9-1-0) ed Eder Barreto (8-8-3).

Ha vinto abbastanza a sorpresa il più giovane Lomasto, campione neo pro 2015, al termine di un incontro molto spettacolare che ha – a nostro avviso – consacrato uno dei “prospect “più interessanti della categoria.

Ottima anche la prestazione del peso superwelter Mirko Geografo (6-1-0) che ha sconfitto in modo abbastanza netto il rumeno residente a Pomezia Adi Catana (3-4-0).

Vittoria anche per il peso medio Vincenzo Bevilacqua (8-0-9) che ha confermato le sue buone qualità battendo il georgiano Sandro Jajanidze (5-3-0).

 

Soddisfatto il manager Davide Buccioni: “Sono contento per Alfano e della riuscita della serata. La qualità premia e stasera di pugili di spessore ce ne stavano tanti. Mi riferisco non solo al main event ma anche al sottoclou che ha visto protagonista il prossimo sfidante al titolo europeo e molti vincitori e finalisti del torneo neo pro 2015”


http://news.boxeringweb.net/notizie-1/ultime-notizie/45019-alfano-conquista-il-titolo-italiano-dei-superpiuma.html

Ranaldi si conferma campione italiano contro un ottimo Cocco

Articolo di Stefano Buttafuoco

La sintesi migliore del match l’ha probabilmente fatta il Ring Announcer Valerio Lamanna, che prima della lettura dei cartellini evidenziava come a vincere fosse stata soprattutto la boxe.

Ed effettivamente ieri sera, a tornare a casa soddisfatti dal Palavinium di Pomezia, sono stati innanzitutto gli spettatori (tanti) che hanno assistito bordoring ad un gran bel match di pugilato, che ha visto protagonisti due pugili decisamente all’altezza del titolo in palio (quello italiano dei Supermedi): Valerio Ranaldi (11-1-0) e Roberto Cocco (17-14-1).

Si è confermato campione il primo, ventottenne atleta romano alla sua prima difesa della cintura conquistata il 19 Dicembre contro Luciano Lombardi, ma onore allo sconfitto, autore di una prova di eccezionale generosità, capace fino all’ultimo secondo dell’ultimo round di tenere in bilico l’esito del combattimento.

Ranaldi, seguito all’angolo dai maestri Marco Di Gianfrancesco e Gabriele Venturini, ha vinto di stretta misura ma con verdetto unanime (i tre giudici hanno assegnato rispettivamente uno, due e tre punti di scarto) in considerazione di una prima parte di match (dal primo al sesto round) nella quale è stato abile a far prevalere il suo maggiore allungo.

Cocco ha inizialmente faticato a trovare il giusto rtimo.

Ha subito cercato di accorciare la distanza ma veniva puntualmente anticipato dai colpi di sbarramento del suo avversario abile a pungere con veloci quanto efficaci serie a due mani.

Poi l’incontro cambiava direzione.

Il pugile torinese, incitato dal maestro Biagio Zurlo, iniziava a fare breccia nella difesa di Ranaldi che perdeva la sua sicurezza, calava fisicamente e subiva qualche buona combinazione di colpi circolari.

Nella nona ripresa un episodio che si rivelerà decisivo.

Cocco, dopo già essere stato richiamato verbalmente dall’arbitro, veniva penalizzato di un punto per tenere la testa troppo bassa.

A quel punto il match perdeva ogni riferimento tattico.

Lo sfidante si gettava furiosamente all’attacco per cercare di colmare lo svantaggio di punti accumulato fino a quel momento e si rendeva protagonista di un incredibile forcing finale che metteva in seria difficoltà il campione, soprattutto nell’ultima ripresa.

Insomma, un incontro vibrante, gestito con straordinaria correttezza dai due protagonisti, anche nelle dichiarazioni finali in cui entrambi hanno riconosciuto il valore del proprio avversario.

Per Ranaldi si è trattato di un importante esame di maturità, superato a pieni voti contro un pugile molto più esperto di lui.

Per sconfitto l’onore delle armi e la consapevolezza di poter essere ancora un autorevole protagonista del pugilato italiano.

Nel sottoclou della serata, organizzata dalla BBT Production in collaborazione con la Oi Boxing Team, vittorie ai punti per Sperandio, Cataldo, Trandafir e Lomasto.

 

BoxeRingWeb

Trofeo Cinture Di Roma

La Bbt Productions in collaborazione con l’Accademia pugilistica Roma est sono liete di presentare l’evento che fece grande il pugilato dilettantistico romano : il trofeo “cinture di Roma” .

Progetto che ha visto l’attiva partecipazione della presidenza della Regione Lazio.

I migliori pugili Elite del Lazio si sfideranno in quattro esaltanti tappe, negli eventi titolati targati Bbt per contendersi il titolo di “miglior pugile di Roma”.

Un 2016 col botto per la capitale che ormai già da qualche anno è anche fulcro del pugilato italiano.

Seguiremo con entusiasmo le performance di questi giovani dilettanti che diventeranno i professionisti del futuro.