Ranaldi si conferma campione italiano contro un ottimo Cocco

Articolo di Stefano Buttafuoco

La sintesi migliore del match l’ha probabilmente fatta il Ring Announcer Valerio Lamanna, che prima della lettura dei cartellini evidenziava come a vincere fosse stata soprattutto la boxe.

Ed effettivamente ieri sera, a tornare a casa soddisfatti dal Palavinium di Pomezia, sono stati innanzitutto gli spettatori (tanti) che hanno assistito bordoring ad un gran bel match di pugilato, che ha visto protagonisti due pugili decisamente all’altezza del titolo in palio (quello italiano dei Supermedi): Valerio Ranaldi (11-1-0) e Roberto Cocco (17-14-1).

Si è confermato campione il primo, ventottenne atleta romano alla sua prima difesa della cintura conquistata il 19 Dicembre contro Luciano Lombardi, ma onore allo sconfitto, autore di una prova di eccezionale generosità, capace fino all’ultimo secondo dell’ultimo round di tenere in bilico l’esito del combattimento.

Ranaldi, seguito all’angolo dai maestri Marco Di Gianfrancesco e Gabriele Venturini, ha vinto di stretta misura ma con verdetto unanime (i tre giudici hanno assegnato rispettivamente uno, due e tre punti di scarto) in considerazione di una prima parte di match (dal primo al sesto round) nella quale è stato abile a far prevalere il suo maggiore allungo.

Cocco ha inizialmente faticato a trovare il giusto rtimo.

Ha subito cercato di accorciare la distanza ma veniva puntualmente anticipato dai colpi di sbarramento del suo avversario abile a pungere con veloci quanto efficaci serie a due mani.

Poi l’incontro cambiava direzione.

Il pugile torinese, incitato dal maestro Biagio Zurlo, iniziava a fare breccia nella difesa di Ranaldi che perdeva la sua sicurezza, calava fisicamente e subiva qualche buona combinazione di colpi circolari.

Nella nona ripresa un episodio che si rivelerà decisivo.

Cocco, dopo già essere stato richiamato verbalmente dall’arbitro, veniva penalizzato di un punto per tenere la testa troppo bassa.

A quel punto il match perdeva ogni riferimento tattico.

Lo sfidante si gettava furiosamente all’attacco per cercare di colmare lo svantaggio di punti accumulato fino a quel momento e si rendeva protagonista di un incredibile forcing finale che metteva in seria difficoltà il campione, soprattutto nell’ultima ripresa.

Insomma, un incontro vibrante, gestito con straordinaria correttezza dai due protagonisti, anche nelle dichiarazioni finali in cui entrambi hanno riconosciuto il valore del proprio avversario.

Per Ranaldi si è trattato di un importante esame di maturità, superato a pieni voti contro un pugile molto più esperto di lui.

Per sconfitto l’onore delle armi e la consapevolezza di poter essere ancora un autorevole protagonista del pugilato italiano.

Nel sottoclou della serata, organizzata dalla BBT Production in collaborazione con la Oi Boxing Team, vittorie ai punti per Sperandio, Cataldo, Trandafir e Lomasto.

 

BoxeRingWeb

A Caltanissetta Ranaldi e Lombardi si contendono sabato 19 Dicembre il Titolo Italiano dei Supermedi

Il 19 Dicembre prossimo Valerio Ranaldi (8-1-0) e Luciano Lombardi (19-12-4) si contenderanno il Titolo Italiano dei pesi Supermedi sul ring del Palasport di Caltanissetta.

Una sfida più volte rinviata ma che finalmente giunge a termine tra due pugili dalle caratteristiche tecnico agonistiche molto diverse tra loro.

Lombardi, quarant’anni, punterà sulla sua maggiore esperienza e sulla sua potenza dei colpi.

Negli ultimi cinque anni non ha combattuto molto (solo 5 volte) ma nella sua carriera si è battuto per ben quattro volte per il titolo italiano.

La prima volta nel lontano 2006 contro Domenico Spada, per il titolo dei pesi medi (sconfitto ai punti). Poi due volte contro Gaetano Nespro (nel 2007 perse ai punti, nel 2008 per TD), nel 2012 contro Andrea Di Luisa (sconfitta per squalifica) e nel 2013 contro Roberto Cocco (sconfitta ai punti).

Nel 2009 si è laureato campione IBF del Mediterraneo.

Insomma, un “fighter” navigato che si giocherà al meglio forse l’ultima opportunità di conquista della cintura italiana.

Ranaldi, ventotto anni, pugile lineare e di ottimo spessore tecnico, dopo una più che buona carriera dilettantistica, è passato professionista nel 2013, vincendo di gran carriera i suoi primi quattro match.

Poi l’inattesa battuta d’arresto contro il francese Baptiste Castegnaro (6-5-0) che ne ha rallentato la fulminea scalata al titolo.

Il 19 Dicembre avrà la possibilità di conquistare il suo primo titolo da professionista, seguito all’angolo – come da sempre – dal maestro Marco Di Gianfrancesco.

Abbiamo contattato il pugile romano ed il suo allenatore alla vigilia dell’incontro raccogliendo le loro dichiarazioni.

Ranaldi: “Non vedo l’ora di salire sul ring. Mi sento in grande forma, la preparazione è andata molto bene e sono sicuro di poter dare il massimo. Per me il titolo italiano è più importante di tante altre cinture. Verranno molti miei sostenitori da Roma e spero di non deluderli. Vado in Sicilia per conquistare il titolo e difenderlo al più presto nella mia città”

Di Gianfrancesco: “Sono molto soddisfatto del lavoro fatto in palestra. Valerio ha fatto sparring con Ricci, Della Rosa e Demchenko che colgo l’occasione di ringraziare pubblicamente. I continui spostamenti ci hanno un po’ innervositi e creato qualche problema nella preparazione, ma ora siamo solo concentrati sul match del 19 Dicembre. Quel giorno non possiamo fallire. Cercheremo di sopperire alla indubbia maggiore esperienza e scaltrezza di Lombardi con la nostra tecnica e freschezza atletica. Ci tengo a dire che siamo molto contenti di salire sul ring di Caltanissetta, speriamo di offrire al pubblico siciliano uno spettacolo all’altezza della loro passione”

Stefano Buttafuoco

Boxeringweb

Della Rosa vs Moncelli: Le dichiarazioni dei protagonisti del tricolore dei superwelter

Emanuele Della Rosa (35-2-0) difenderà sabato 27 Giugno a Roma il titolo italiano dei pesi superwelter contro Felice Moncelli (12-3-1)

Una sfida che va la di là del prestigioso titolo in palio, tra due “fighter” veri, con caratteristiche tecnico agonistiche molto simili.

Emanuele Della Rosa, trentacinque romano, avrà dalla sua una maggiore esperienza essendo già stato campione del Mediterraneo, campione Internazionale, campione Intercontinentale e sfidante al Titolo Mondiale.

Una carriera di primo livello, sia come peso welter che come peso superwelter e peso medio, a dimostrazione della sua eccezionale solidità fisica.

Felice Moncelli, ventitrenne di Corato (Bari), è un pugile in ascesa, capace di offrire sempre una boxe molto spettacolare, fatta di scambi a due mani e di potenza.

A dispetto della sua età è già stato campione italiano ed internazionale e su di lui il manager Davide Buccioni punta molto tenendo in grande considerazione le sue straordinarie doti temperamentali e fisiche.

Abbiamo contattato i due protagonisti alla vigilia dell’atteso incontro.

Queste le loro dichiarazioni:Della_Rosa__Copia

Della Rosa: “Arrivo a questo match molto ben preparato, sicuramente meglio rispetto alla sfida con Di Fiore. Sono riuscito ad allenarmi tutti i giorni a dispetto dei miei molteplici impegni lavorativi e familiari. Sono consapevole della forza del mio avversario che reputo un gran bravo ragazzo ed al quale auguro di divire un grande campione, ma solo dopo avermi incontrato. Non mi sento favorito e penso che questo combattimento servirà per capire meglio il mio futuro”

2014-03-14-serabbt693Moncelli: “Non vedo l’ora di combattere.
Emanuele era uno dei miei idoli, ma sabato sera devo vincere per diventare il migliore. Non deluderò le persone che hanno creduto in me. Per me il titolo italiano è una tappa di arrivo ma anche di partenza per obiettivi ancora più prestigiosi. Ho conosciuto il peggio della vita, ora voglio conoscere il meglio. Ringrazio il mio allenatore Mario Massai che mi ha preparato al meglio”

Una curiosità: la sfida sarà quotata da AdmiralYes (la vittoria di Moncelli è data a 1.85, quella di
Della Rosa a 1.95). Un altro successo del manager Davide Buccioni a conferma del crescente interesse dei bookmaker verso eventi pugilistici di livello.

Il palinsesto della serata – che si svolgerà a Mondofitness (Viale Tor di quinto, 55) – prevede d’altra parte incontri di ottima fattura.

Il campione intercontinentale WBA dei pesi Mediomassimi Mirco Ricci (15-2-0) difenderà la sua prestigiosa cintura contro il brasiliano Rogerio Damasco (18-2-2), pugile solido, dall’ottima esperienza internazionale e dal pugno pesante.

Nel sottoclou, l’imbattuto superpiuma Mario Alfano (5-0-0) continuerà la sua marcia di avvicinamento al titolo italiano di categoria affrontando Eder Barreto (6-6-1), pugile peruviano residente ad Ostia, molto veloce e tecnico.
Il supermedio Valerio Ranaldi (7-1-0) combatterà contro Reward Marti Ruiz (8-6-0) mentre il piuma Alessandro Lozzi (4-2-0) sfiderà il nicaraguense Edwin Tellez (9-15-1).

Grande curiosità per l’esordio del peso massimo Mattia Faraoni contro Elidon Gaba (0-1-0) e tutto da seguire il terzo match da neo pro del ventitreenne peso medio Mirko Geografo che affronta Simone Del Vecchio.

Gli ultimi biglietti sono acquistabili presso Boxol.it: 30 euro per il bordoring, 15 euro per la tribuna.

Prevista diretta televisiva su Deejay Tv a partire dalle ore 23.00.

Stefano Buttafuoco

27 Giugno. Comunicato Stampa

Il 27 Giugno a Roma riunione con due titoli in palio ed un sottoclou d’eccezione

Il 27 Giugno sarà una data da tenere a mente per tutti gli appassionati di boxe capitolini e non solo.

In scena, sul ring allestito per l’occasione all’interno di Mondofitness (Viale di Tor di Quinto, 55 Roma) ben due match titolati ed un sottoclou di grande qualità.

Il campione intercontinentale WBA dei pesi Mediomassimi Mirco Ricci (15-2-0) difenderà la sua prestigiosa cintura contro il brasiliano Rogerio Damasco (18-2-2), pugile solido, dall’ottima esperienza internazionale e dal pugno pesante se è vero che è stato capace di imporsi – nella sua lunga carriera – per ben 16 volte per ko.

Un match difficile per il ventiquattrenne pugile romano, che in caso di vittoria potrebbe proporsi per una sfida mondiale al tedesco Juergen Braehemer (46-2-0).

Non meno rilevante quello che può definirsi il secondo main event della serata, che vedrà incrociare i guanti Felice Moncelli (12-3-1) con Emanuele Della Rosa (35-2-0), in un incontro valido per il Titolo Italiano dei pesi superwelter.

Due pugili simili, due fighter generosi, divisi da 14 anni di differenza e da una diversa esperienza internazionale.

A vincere non potrà che essere il pubblico che assisterà all’attesissima sfida, garanzia di spettacolo ed emozioni.

Nel sottoclou, l’imbattuto superpiuma Mario Alfano (5-0-0) continua la sua marcia di avvicinamento al titolo italiano di categoria affrontando Eder Barreto (6-6-1), pugile peruviano residente ad Ostia, molto veloce e tecnico.

Il supermedio Valerio Ranaldi (7-1-0) combatterà contro Reward Marti Ruiz (8-6-0) mentre il piuma Alessandro Lozzi (4-2-0) sfiderà il francese Faycal Massaoudene (6-23-1).

Grande curiosità per l’esordio del peso massimo Mattia Faraoni contro Elidon Gaba (0-1-0) e tutto da seguire il terzo match da neo pro del ventitreenne peso medio Mirko Geografo che affronta Simone Del Vecchio.

Biglietti acquistabili presso questo link: buccioniboxingteam.com/show/27-giugno/ – 30 euro per il bordoring, 15 euro per la tribuna.

Per accrediti stampa (giornalisti e fotografi), inviare richiesta al seguente indirizzo mail: bbtaccrediti@libero.it