Al teatro Orione di Roma la “Buccioni Boxing Team” manda in scena i lanciatissimi Falcinelli e Alfano, i due fighters mantengono le attese di vittoria e conquistano la platea. Completa il tris il ritorno vittorioso sul palcoscenico di Cataldo. I tre pugili di casa si sono imposti su antagonisti ungheresi.

La furia di Damiano Falcinelli (+6 -0, 2 ko) è incontenibile, l’allievo di Mattioli è una macchina da pugni dalla quale finora nessuno si è sottratto. Il giovanissimo Szabolcs Szabo (+9 -2, 3 ko) si conferma un buon pugile come da curriculum, tiene il palco con coraggio ma probabilmente non si aspettava di esser travolto da una valanga di colpi, pur con un richiamo ufficiale sulle spalle e una maschera di sangue sul volto giunge all’ ultimo gong meritando anch’egli applausi, dopotutto un match intenso come quello a cui abbiamo assistito si disputa in coppia.

A un anno dal suo debutto tra i professionisti Falcinelli piace ed ha già conquistato pubblico e addetti ai lavori come intimorito gli avversari, una sorta di Micky Ward nostrano per cui ogni match è una battaglia da combattere fino in fondo, da oggi dovrà a mio avviso lavorare per non tramutare il suo punto di forza in un limite.

 

L’ annuncio ai suoi numerosi sostenitori è dello speaker Valerio Lamanna a fine match,Mario Alfano (+7 -0 =1, 3 ko) è da ieri ufficialmente il co-sfidante al titolo nazionale dei superpiuma. Un traguardo meritato anche nel test di ieri superato a pieni voti con maturità. SuperMario è concentrato quanto determinato, attende il momento propizio e quando Mihaly Telekfi (+8 -20 =1, 2 ko) è alle corde incapace di reagire lo incalza costringendo l’arbitro a decretare lo stop.

 

L’ aggressivo David Sipos (+3 -6 =2, 2 ko) è un ospite che non sembra voler favorire il rientro di Francesco Cataldo (+1 -1, 1 ko) ma quando il pugile pontino si scioglie e getta la ruggine accumulata in più di quattro anni di inattività partono i colpi pesanti e l’ungherese finisce sull’ orlo del tracollo. Un inizio di nuova carriera positivo per il trentaquattrenne massimo-leggero seguito all’angolo da Vittorio Oi.

 

Nel preambolo dilettantistico anche due combattimenti tra pugili Elite, il promettente Wiliam Sestili batte Leonardo Bevilacqua in un confronto dal buon livello tecnico mentre Mattia Pileggi, incitato da un tifo da stadio, incappa in un colpo di incontro del bravo Vincenzo Verderosa.

 

RISULTATI :

Professionisti :

Damiano Falcinelli (66,3 Kg) b Szabolcs Szabo (66,3 Kg) PTS 6R

Mario Alfano (59 Kg) b Mihaly Telekfi (58,5 Kg) TKO 2R 2’56”

Francesco Cataldo (88 Kg) b David Sipos (86,2 Kg) PTS 4R

Dilettanti :

Manuel Carnicella (Audace) e Giuseppe Rossini (Roma Est) pari

Daniele Gualtieri (Boxe Casalbruciato) b Gianmario Pinci (Sparta Boxe) VP

Wiliam Sestili (Team Boxe Roma XI) b Leonardo Bevilacqua (Revolution) VP

Vincenzo Verderosa (Boxing San Salvo) b Mattia Pileggi (Boxe Montesacro) TKO 1R

fonte: Boxenet