Il suo comunicato: Molte volte la vita ti porta a decisioni importanti, ma soprattutto davanti ad un bivio , il bivio della vita. Tornando a qualche mese fa con il verdetto dell’unione europea non tanto conforme agli standard pugilistici con il senno di poi decisi che di darmi un’altra opportunità e di riuscire prima o poi di riportare un titolo più importante in terra di lavoro . Subito sotto con il lavoro il duro allenamento che solo chi scavalca le sedici corde può capire . Ed ecco arrivare una nuova opportunità, l opportunità di riportare a casa il titolo italiano. Il 26 dicembre.
Ed ecco il “bivio ” il bivio della vita della nascita della famiglia. Magari qualche anno fa avrei venduto l’anima al diavolo per un traguardo prestigioso, ma ora no. Il giorno 22 dicembre diventerò papà per la seconda volta e penso che alla fine quello che resta sarà la famiglia e quel poco che sei riuscito a costruire intorno a te stesso. Ora faccio una domanda io a voi. Lascereste la vostra donna in un letto di una clinica mentre partorisce il frutto del vostro amore? Qualche giorno fa ho letto un articolo che dice: ci vuole coraggio a dire basta! Io non dico basta dico che la famiglia viene prima di tutto. Grazie di cuore a tutti. Al centro sportivo esercito italiano, alla pugilistica atesina dove sono nato, Ed a DAVIDE BUCCIONI, che anche se in avanti con l’età pugilistica ha voluto credere i me.